This is Photoshop's version of Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit. quis bibendum auci elit.

Instagram feed

+ 01145928421
Image11

Detrazioni

HomeDetrazioni

Scopri le detrazioni fiscali che puoi ottenere affidandoti a CheTenda!

Le detrazioni fiscali dedicate al risparmio energetico come l’Ecobonus sono state prorogate fino al 31 dicembre 2024.

Anche nel 2023, scegli CheTenda per rinnovare i tuoi spazi outdoor: su tutti i prodotti offerti (tende da sole, serramenti, pergole e zanzariere) potrai beneficiare della detrazione fiscale pari al 50% delle spese.

Ma c’è anche dell’altro: le detrazioni fiscali per l’anno in corso sono diverse e molto interessanti. Te le spieghiamo a seguire, in modo pratico e intuitivo.

Non perdere l’occasione per implementare al meglio i tuoi spazi in outdoor: è il momento giusto!

ecobonus-2023

Cosa sapere sull’Ecobonus 2023

Acquistando le tue schermature solari presso CheTenda avrai la possibilità di beneficiare di una detrazione fiscale pari al 50% delle spese sostenute fino a un massimo importo detraibile di 276 €/mq (al netto dell’Iva e delle prestazioni professionali e opere complementari necessarie all’installazione e messa in opera dei prodotti). L’ammontare sostenuto ti verrà restituito in un periodo di dieci anni come credito d’imposta.

Ti ricordiamo infatti che l’Ecobonus è stato confermato e rinnovato nella Legge di Bilancio 2023 per un tetto massimo di 60,000 euro, e ti permette di usufruire di uno detrazione fiscale pari al 50% dell’importo massimo detraibile.

vantaggi dell’Ecobonus sono innegabili:

  • è inclusivo, perché interessa sia le persone fisiche che le persone giuridiche.
  • CheTenda si prenderà carico direttamente del disbrigo di tutte le pratiche annesse, sgravandoti da ogni stress.
  • Potrai rinnovare completamente i tuoi spazi e migliorare il grado di benessere abitativo, riducendo al contempo i consumi di energia, in modo sostenibile ed efficace.

CONTATTACI

Ecco a seguire i prodotti che hanno diritto all’Ecobonus anche per l’anno 2023:

  • Pergole a impacchettamento, pergole bioclimatiche, tende da sole, tende per lucernari, tende per serre, tende a bracci, tende per facciate, tenda da facciata a rullo, tende a veranda, tende a pergola, cappottine, zanzariere e tende antinsetto, schermi solari mobili (Norma EN 13561).
  • Veneziane esterne in alluminio, frangisole, chiusure oscuranti, persiane, scuri, tapparelle, ecc. (norma EN 13659).
  • Rulli avvolgibili, veneziane, plissettate, sistemi winter garden, skylighter, verticali. Sono invece escluse le tende decorative. (Norma EN 13120).

Potrai richiedere la detrazione fiscale del 50% relativo all’Ecobonus 2023 se possiedi o abiti a vario titolo l’immobile in cui saranno effettuati i lavori, e più specificamente se sei:

  • Una persona fisica, anche esercente arti o professioni
  • Un titolare di diritto reale sull’immobile
  • Un condominio, per gli interventi sulle parti comuni dell’edificio
  • Un inquilino
  • Un individuo che utilizza l’immobile in comodato d’uso
  • Un familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile, e sosterrai le spese per la realizzazione dei lavori
  • Un contribuente che consegue reddito d’impresa
  • Un’associazione tra professionisti
  • Un ente pubblico o privato che non svolge attività commerciale

Il Superbonus 110% per il 2023

In considerazione della sua proroga, anche per tutto il 2023 potrai inoltre beneficiare dei vantaggi garantiti dal Superbonus 110%, in particolare se le schermature solari che acquisterai presso CheTenda saranno installate in combinazione con interventi finalizzati alla riqualificazione energetica dell’immobile, come stabilito dall’articolo 119 del Decreto 34 – Rilancio. Ricorda inoltre che il Superbonus resterà al 110% fino al 2023 e scenderà poi al 70% nel 2024 e al 65% nel 2025 per i lavori effettuati dai condomìni, da persone fisiche su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate e per le Onlus.

In particolare per i lavori realizzati da persone fisiche sulle villette (unità monofamiliari), la detrazione rimarrà pari al 110% fino al 31 dicembre 2023, purché entro il 30 giugno 2023 sia stato raggiunto il SAL del 30% degli interventi previsti.

Potrai accedere al Superbonus e alla relativa detrazione fiscale pari al 110%, con massimali stabiliti a 276€ al mq, al netto di IVA, prestazioni professionali e opere complementari relative alla installazione e alla messa in opera delle schermature solari.

Il Superbonus si riferisce a una spesa massima di 60,000 euro.

Puoi usufruire del Superbonus 110% sulle schermature solari se:

  • Sei una persona fisica (non partita IVA) che effettua l’installazione delle schermature in combinazione con uno degli interventi finalizzati alla riqualificazione energetica dell’immobile, e a ottenere la classe energetica più alta o due classi di livello superiore
  • Rispondi ai requisiti del primo punto e fornisci asseverazione tecnica e di congruità delle spese da parte di un tecnico abilitato
  • Rispondi ai requisiti del primo punto e realizzi l’intervento in condomini o edifici adibiti ad abitazione principale

Entra in contatto con gli specialisti di CheTenda e definisci quali interventi intendi attuare sul tuo immobile: ti offriremo la nostra consulenza per identificare il prodotto che dispone dei benefici richiesti per ottenere il bonus fiscale.

 

CONTATTACI

Superbonus 110%: a chi spetta e come richiederlo

Se oltre all’acquisto di schermature solari stai pensando di ottimizzare l’efficienza energetica della tua abitazione, potresti avere diritto al Superbonus del 110% che ti permetterà di recuperare le spese sostenute. In questo caso l’agevolazione fiscale è fissata a un massimo 60.000 € anche per il 2023. Il Superbonus, inoltre, è accessibile solo alle persone fisiche ed è valido solo per gli immobili adibiti ad abitazione principale.

Il team CheTenda è costantemente aggiornato in ambito fiscale e saprà fornire le informazioni necessarie a ogni cliente che potrà avvalersi della detrazione spettante.

Bonus Verde 2023: recupero fiscale del 36% per fioriere e frangivista utilizzati come rampicanti

Un altro interessante bonus fiscale a cui prestare attenzione per il 2023 è il Bonus Verde, che prevede un recupero fiscale del 36% per fioriere e frangivista utilizzati a scopo rampicante. Il Bonus è relativo ai lavori di ristrutturazione di giardini, balconi e terrazzi attraverso interventi straordinari, ossia opere che interessano l’intero giardino o area e finalizzate alla realizzazione ex novo o rinnovamento completo del verde esistente.

Il limite massimo di spesa consentito per questo Bonus fiscale è pari a 5000 euro, che porterà al recupero in dichiarazione dei redditi di un importo pari a 1800 euro (ovvero il 36% di 5000 euro), da ripartirsi in quote costanti per un periodo di dieci anni a cominciare dall’anno in cui è stata sostenuta la spesa.

Contattaci per ricevere maggiori informazioni: ti aspettiamo!

 

CONTATTACI

Bonus Barriere Architettoniche 75%: valido anche per infissi e serramenti

Il Bonus Barriere Architettoniche è stato introdotto dalla Legge 234/2021 ed è relativo agli interventi finalizzati a superare o eliminare eventuali ostacoli e limiti strutturali negli edifici esistenti.

In questo caso, la detrazione d’imposta Irpef o Ires è pari al 75% delle spese sostenute dal contribuente tra il 1° gennaio 2022 e il 31 dicembre 2025 e viene ripartita tra gli aventi diritto in cinque rate annuali di pari importo. Inoltre, fino al 31 dicembre 2024 è possibile beneficiare del contributo come sconto in fattura: un’opportunità davvero conveniente per i destinatari dell’agevolazione!

A chi è dedicato il Bonus Barriere Architettoniche 2023? Alle persone fisiche, alle imprese e agli enti che dimostrano di intervenire su edifici esistenti per rimuovere gli ostacoli alla mobilità, anche se nell’immobile non risiedono persone con disabilità o anziani.

I massimali di spesa variano a seconda del tipo di edificio su cui si interviene per rimuovere le barriere architettoniche:

  • 50.000 euro: per edifici unifamiliari o unità immobiliari all’interno di edifici plurifamiliari indipendenti e con accessi autonomi.
  • 40.000 euro: per ciascuna unità immobiliare all’interno edifici da due a otto unità immobiliari.
  • 30.000 euro: per ciascuna unità immobiliare all’interno di edifici con più di otto unità immobiliari.

 

Leggi il nostro approfondimento sul Bonus Barriere Architettoniche

Come può aiutarti CheTenda! a beneficiare del Bonus Barriere Architettoniche 2023?

Con una gamma di infissi e serramenti che favoriscono la mobilità e l’inclusione, perché anch’essi rientrano tra i prodotti detraibili previsti da questa agevolazione. Potrai quindi sostituire porte e finestre in modo che consentano la massima accessibilità nelle abitazioni private, sia unifamiliari che condominiali, optando per modelli con le seguenti caratteristiche tecniche:

  • Le porte e le finestre devono essere utilizzabili con la massima semplicità, grazie alla disponibilità di meccanismi e parti mobili facilmente accessibili e manovrabili.
  • Le porte d’ingresso o i portoncini devono avere una luce netta – ossia una larghezza – pari ad almeno 80 centimetri. Per aprirli o chiuderli deve essere necessaria una pressione non superiore agli 8 kg.
  • Le porte interne devono avere una luce netta di almeno 75 centimetri, e per aprirle o chiuderle deve essere necessaria una pressione non superiore agli 8 kg.
  • L’altezza delle maniglie di tutte le porte, d’ingresso ed interne, deve essere tra gli 85 e i 95 centimetri.
  • Le finestre devono disporre di maniglie o sistemi di comando posizionati a un’altezza tra i 100 e i 130 centimetri.
  • Gli spigoli delle ante delle finestre devono essere sicuri e le ante facilmente utilizzabili.
  • Le porte finestre devono avere un’altezza delle soglie tra 0 e 2,5 cm dal piano di calpestio.
  • Le tapparelle devono essere motorizzate, e l’altezza del dispositivo di comando – ovvero il pulsante di apertura/chiusura – deve essere tra i 60 e i 130 centimetri dal suolo. Il meccanismo di automazione deve inoltre essere opportunamente verificato.
  • I cancelli e i cancelletti devono anch’essi essere muniti di automazione, ossia devono essere motorizzati. Il pulsante di apertura e chiusura deve trovarsi tra i 60 e i 130 centimetri da terra e la sua automazione deve essere verificata.

Oltre alle spese sostenute per acquistare infissi e serramenti accessibili, potrai detrarre anche quelle relative ai lavori necessari a installarli.

In CheTenda! ti proponiamo una vasta gamma di soluzioni per abbattere le barriere architettoniche e beneficiare del massimo comfort abitativo. In più, ti illustriamo tutti i dettagli burocratici necessari a ottenere lo sconto in fattura, attraverso una procedura semplificata di cui ci prendiamo carico direttamente.

Zero barriere, zero preoccupazioni, zero problemi!

 

CONTATTACI

Stai cercando maggiori informazioni?

Se stai cercando maggiori informazioni e/o preventivi gratuiti contattaci ora, uno dei nostri esperti ti risponderà nel più breve tempo possibile.

Sono un *
Allega file
Ho letto ed accetto l'informativa sulla privacy.